Firenze si candida a diventare "Città creativa per l'artigianato"

Il dossier «è stato inviato alla commissione nazionale Unesco», e ora bisogna soltanto attendere la «presa in carico» e la decisione che non dovrebbe tardare ad arrivare. La candidatura proposta da Palazzo Vecchio, perché il nome di Firenze sia sempre più sinonimo di artigianato, è il frutto di un lungo percorso partecipato, iniziato nel 2018 con l’individuazione delle sei linee progettuali da proporre per il bando, organizzato dall'amministrazione comunale e dalla facoltà di Architettura dell'Università di Firenze.

La candidatura, condivisa con i comuni della Città metropolitana, è stata sviluppata da sei gruppi di studenti selezionati dalle cinque scuole legate alla creatività presenti in città: Ied, Isia, Polimoda, Università di Firenze e Accademia di belle arti. La candidatura coinvolge inoltre le associazioni, gli organismi e i soggetti legati al settore dell'artigianato nel territorio fiorentino, tra cui Artex Centro per l'Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana con Officina Creativa e OMA Osservatorio dei Mestieri d’Arte con Spazio Nota.

Sono circa 50 i soggetti che hanno partecipato attivamente agli incontri, agli eventi e alle iniziative che si sono svolte a partire dall’aprile scorso sotto il nome di "Primavera dell'artigianato".

Per saperne di più: www.firenzecreativa.it