Coronavirus: inizia la Fase 2

Con l’entrata in vigore del Decreto del 26 aprile 2020,  a partire da lunedì 4 Maggio riapriranno varie tipologie di imprese.

 

Ecco le principali tipologie: imprese di costruzioni, industrie manifatturiere, estrattiva, automobilistica, tessile e del vetro. Via libera anche alla fabbricazione dei mobili e al commercio all’ingrosso funzionale.

 

Sarà possibile riaprire solo se saranno rispettate le norme anti contagio da Covid 19 previste dal protocollo sottoscritto dal Governo e dalle parti sociali, aggiornate il 24 aprile.

 

Le imprese e i lavoratori autonomi potranno continuare ad applicare il lavoro agile a ogni rapporto subordinato e dovranno, ove possibile, adottare protocolli di sicurezza anti-contagio. Nei casi in cui non si possa rispettare la distanza di un metro sul luogo di lavoro occorrerà adottare strumenti di protezione individuale.

 

Per quanto riguarda la mobilità delle persone, si potrà tornare a muoversi da un Comune all’altro entro la stessa Regione per motivi di lavoro, salute o “necessità e urgenza”. Tra le autorizzazioni previste dal Decreto, anche “gli spostamenti per incontrare congiunti, intesi come affetti stabili, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie.

 

Di seguito, il testo del Decreto del 26 aprile:

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/27/20A02352/sg